la MIA stagione 2011

 

IL CAMPIONATO CADETTI

Questa, per me, era la prima stagione nella categoria Cadetti Sailors Livorno.

Non era iniziata nel migliore dei modi perché, già dall’estate scorsa, sapevamo che uno di  noi, Filippo Premutati, aveva deciso di trasferirsi nel suo paese di origine, la Repubblica Dominicana. Lui era la nostra bandiera, l’esempio di come dovevamo comportarci per “saper giocare” e.. questa novità inattesa, ha spiazzato me e i compagni di squadra. Già ci vedevamo molto competitivi con il rientro in squadra con Lewis Sanchez e Tommaso Launaro. La defezione di altri due ragazzi, sui quali contavamo, ci ha messo, però, da subito, in difficoltà numerica. Per fortuna, il nuovo arrivo, Nicola Igrasciotta, del ’95, e l’aiuto degli allievi Emanuele MottolaLuigi Gallo ed altri, ci hanno permesso di disputare comunque il campionato. Un campionato Cadetti per il quale c’e’ da essere molto contenti visto che i nostri allenatori Maurizio Sbandi Virgilio Perra, a cui va tutta la mia riconoscenza per l’impegno nel seguirci, hanno saputo tirar fuori da noi il meglio. Ci siamo allenati bene e tolti molte soddisfazioni vincendo 6 partite e perdendone 2. Non abbiamo raggiunto il nostro obiettivo, che era il secondo posto per poter accedere alla fasi finali nazionali ma, gli avversari che ci hanno sconfitto (Grosseto e Cosmos) sono state delle squadre con giocatori più grandi e di maggiore esperienza. Abbiamo dimostrato tenacia e carattere, riuscendo a farci valere limitando il passivo nel punteggio. Veramente bravi tutti i miei compagni con Lewis e Tommaso su tutti e Riccardo Trocar che ha picchiato veramente forte in battuta, mentre al lancio.. si è guadagnato la chiamata nella Nazionale Centro. Io sono cresciuto nel mio ruolo di ricevitore ed ho avuto una media battuta molto buona 556

 

IL CAMPIONATO UNDER 21

A sostegno della prima squadra NBC Livorno, quest’anno, è stata creata anche la squadra Under 21 con la quale ho partecipato al Campionato regionale. Di questo sono stato entusiasta perché per la prima volta ho avuto l’occasione di giocare con ragazzi più grandi come Edoardo D’Alesio, Miliani, Lardicci …. con cui mi sono trovato subito bene. La squadra ha chiuso il campionato al secondo posto. Anche qui niente fasi nazionali ma, vuoi mettere la soddisfazione di aver vinto per ben due volte contro chi è arrivato primo: il Grosseto?!

Ho fatto delle buone giocate e, anche qua, ho battuto con una buona media considerando la categoria: 333. Purtroppo, l’eccessivo affaticamento per la partecipazione a due campionati nel mio impegnativo ruolo, a fine stagione, mi ha causato una forte contrattura muscolare e un mal di schiena dai cui sono uscito solo dopo una paio di mesi di stop.

 

COPPA TOSCANA CADETTI

Ho partecipato solo al concentramento di finale. I miei compagni di squadra, comprese le nuovissime new entry del ’97 si sono comportati benissimo vincendo tutte le partite di qualificazione alla finale. Non potevo e non volevo mancare a questo appuntamento. Ho visto i miei compagni contenti che potessi giocare. Volevo prendermi la mia rivincita sull’attesa, sull’allenamento differenziato, sugli esercizi noiosi di fisioterapia.

Ho disputato i due incontri e.. ce li siamo giocati. Il Grosseto si e’ dimostrato forte ed ha vinto ma sulla squadra del Cosmos ci siamo presi la nostra rivincita. La mia prestazione non è stata al top ma comunque buona. Ho ricevuto buone indicazioni da questo: ora posso di nuovo allenarmi in gruppo.

 

PROGETTO GIOVANI, TRY OUT ACCADEMIA, TORNEO DELLE REGIONI, TUSCANY SERIES, TORNEO DI SALA BAGANZA

Questi sono stati gli altri miei appuntamenti della stagione. Buonissima l’esperienza al Progetto Giovani dellaFederazione Toscana. Ho partecipato solo ai primi raduni ma li ritengo molto positivi perché, in attesa che la stagione inizi, ci si puo’ ugualmente trovare con gli altri amici della Toscana per fare un po’ di allenamento. Si incontrano di nuovo gli allenatori, possiamo ricevere da loro dei buoni consigli e.. siamo più grandi, magari qualcosa in più riusciamo ad capire di quello che ci dicono.

A Maggio ho partecipato al Try out per entrare in Accademia insieme ai miei compagni Edoardo D’Alesio eTommaso Launaro. Sapevo che era difficile poter essere scelto. Sono andato comunque perché sapevo che là avrei di certo incontrato amici anche di altre regioni. Mi è servito a capire quali sono i miei limiti, nella corsa, nel salto da fermo, in battuta…  Ma non sono mica andato così male ehh. Ci riproverò l’anno prossimo.

Nel mese di Luglio ho partecipato al Torneo delle Regioni nella Selezione Allievi Toscana. Sono stati 4 giorni intensi a Rimini. Mi sono divertito ma non ho giocato come avrei voluto e come mi riesce. Siamo stati sconfitti dal Piemonte in una partita che era alla nostra portata, peccato! Avremmo potuto arrivare in semifinale.         Un onore aver partecipato e rappresentato la Toscana. Grazie al selezionatore, nonché mio allenatore, Otello Cavallini. Spero di riuscire ad andare anche l’anno prossimo. Bello sapere di avere una possibilità, vincendo il torneo, di andare a giocare in Polonia e poi negli USA. Ho conosciuto i ragazzi dell’Emilia Romagna che hanno vinto ed ho seguito la loro avventura aggiornandomi con le notizie e su facebook.

Ad Agosto ho avuto la soddisfazione di essere invitato a giocare alle Tuscany Series con la squadra delGrosseto. E’ un po’ come se ti invitasse il Milan al torneo Berlusconi :o) Strafelice di andare. Non posso star a fare l’elenco di chi devo ringraziare per questo ma.. posso semmai promettere di giocare un po’ meglio la prossima volta. Mi ero detto: perdo sempre con il Grosseto, vado a giocare con loro, così almeno vincerò. Invece solo sesto posto. Fatemi ingraziare almeno il Presidente Pancellini, l’allenatore Momi e Falini che mi ospitato a casa. Ottimi amicizia con tutti.  Da rifare.

Il Torneo di Sala Baganza è stato, senza dubbio, il massimo di soddisfazione e divertimento per la stagione appena trascorsa. Sono riuscito a farmi invitare da una squadra che stava cercando giocatori, sono stato contattato dal Poviglio Baseball prov. Reggio Emilia. Sono andato là ospitato dal Presidente Friggeri, un'esperienza tutta nuova per me: da solo in treno fino in Emilia. Sono arrivato, mi hanno vestito di tutto punto: casacca, pantaloni, maglietta, borsa nuova. Eravamo ragazzi di nazionalità diversa: Algeria, Cuba, Repubblica Dominicana… l'allenatore e il coach cubani. Quest'ultimo, Leo, mastodontico, due metri per 150kg. Abbiamo perso solo una partita che conta: la finale. Indovinate contro chi? Il Grosseto! 🙂 Con il Poviglio ho urlato, urlato, urlato… quando abbiamo vinto contro la squadra del Crocetta, campione d’Italia per due anni consecutivi, imbattuta da 50 partite. E.. io, da esterno centro, ho fatto la presa del match con una corsa folle con un tuffo e.. su il guantone con la palla dentro. Felicità a mille. Era presente anche il selezionatore della nazionale cadetti Dimes Gamberini, speriamo che legga e se la ricordi 🙂    Bellissimo ed emozionante. Spero di nuovo di essere invitato l’anno prossimo. Laggiù mi sono scoperto esterno.

Tirando le fila, una stagione piena di soddisfazioni, in cui sono cresciuto nel mio sport con i miei compagni ed i  miei amici.

Mi impegnerò per un 2012 migliore.

                                            Alessio Baroncini

Leave a Reply